RINOCEROTTI

Tre su tre: altro convincente successo (a Firenze) per gli instancabili Rino..Cerotti, i giocatori Old dei Lions.

Forse sono troppo vecchio per giocare a rugby, ma non oggi’…. Sicuramente non sono troppo vecchi per giocare a rugby gli Old dei Lions Amaranto Livorno, simpaticamente ribattezzatisi 'I Rino Cerotti', capaci, nel terzo turno del campionato di categoria, di conquistare la terza affermazione. Dopo i due successi colti in casa – a Salviano –, stavolta, in questo terzo sabato del mese di gennaio, i 'ragazzi' guidati dall'allenatore-giocatore Alessandro Brondi si sono permessi il lusso di andare a vincere su un campo 'glorioso', quello del 'Ruffino Stadium – Lodigiani' di Firenze, l'impianto di Campo di Marte sul quale I Medicei disputano i propri impegni interni di Top12. Sul sintetico del terreno di gioco – posto a pochi passi dallo stadio 'Franchi' – i labronici si sono imposti 1-3 (ogni meta un punto; tra gli Old non sono previsti calci di trasformazione) sui padroni di casa dei 'Ribolliti' Firenze. Gigliati (meritatamente) in vantaggio 1-0 al 10'. Riscossa ospite con la meta di Cannavò, a bersaglio dopo un galoppo di 40 metri: 1-1. La marcatura del definitivo sorpasso giunge in chiusura di primo tempo ed è firmata da Ciandri. Nella ripresa i Rino..Cerotti gestiscono la gara e a 10' dalla fine chiudono i conti con la meta di Marchi. Successo prezioso e più che legittimo per quanto evidenziato nell'arco del match. La formazione Old dei Lions affronterà nel prossimo turno, in trasferta (a Gubbio) gli Umbriachi: sfida al vertice tra le squadre finora sempre vittoriose. I 22 atleti livornesi grandi protagonisti a Firenze: Vittorio Abbiuso, Marco Lenzi, Chiara Mattei, Paolo Ciandri, Carlo Pelli, Andriano Sanpaolo, Emiliano Marchi, Antonio Cannavò, Francesco Bitti, Maurizio Berti, Marco Pierazzini, Alessandro Brondi, Valter Ardizzone, Emanuele Prestinari, Gianluca Gasparri, Luca Baroni (cap.), Lorenzo Lattanzi, Alessandro Chiesa, Vincenzo Limone, Fabio Ciliegi, Antonio Masciullo, Andrea Caputo.

 

 

Campionato Old: meta di Bertolini, dopo attacco tirato da Mantovani e touche di Baroni. I Rino..Cerotti battono 1-0 i Sorci Verdi.

Secondo impegno nel campionato di categoria e secondo successo degli Old dei Lions Amaranto Livorno (simpaticamente ribattezzati ‘I Rino..Cerotti’). Sul campo amico di Salviano, i labronici allenati da Alessandro Brondi hanno battuto i ‘coetanei’ dei Sorci Verdi Prato. E’ finita 1-0 (in tale categoria si conteggiano solo le mete: non sono previsti calci di trasformazione), con la marcatura decisiva di Bertolini, a segno dopo un’azione tirata da Mantovani, su touche conquistata da capitan Baroni. L’ottima difesa ha permesso di conservare senza grossi rischi il risultato fino al triplice fischio finale. Vittoria di misura, nel complesso legittima per i livornesi, presentatisi sul terreno amico con questi 20 atleti: Vittorio Abbiuso, Marco Lenzi, Gianluca Gasparri, Luca Baroni (cap.), Marco Pierazzini, Enrico Quinti, Adriano Sanpaolo, Valter Ardizzone, Chiara Mattei, Carlo Ceselli, Emiliano Marchi, Francesco Bitti, Carlo Pelli, Antonio Masciullo, Luca Conticini, Emanuele Bertolini, Davide Mantovani, Lorenzo Lattanzi, Alessandro Chiesa, Antonio Cannavò. Ottima, in questo sabato di inizio dicembre, la prova offerta dai Rino..Cerotti. Il tutto più che mai considerando che sono stati schierati 3 esordienti; 5 i neofiti perfettamente integrati nell’ossatura composta da atleti veterani di lungo corso. Stanno portando frutti concreti le sedute supplementari organizzate ogni settimana dal tecnico Brondi: sedute che facilitano l’impatto con il rugby giocato. ‘Forse sono troppo vecchio per giocare a rugby, ma non oggi’….

Gli Old dei Lions iniziano la stagione con il piede giusto. Rino...Cerotti vittoriosi con i Trinceroni Scandicci.

 

La stagione dei Rino..Cerotti, la rappresentativa Old dei Lions Amaranto Livorno, è cominciata con il piede giusto. Nella giornata di apertura del campionato toscano di categoria, sul campo amico di Salviano, la squadra labronica si è imposta per una meta a zero sui Trinceroni Scandicci. L’incontro, svoltosi sotto i riflettori accesi (si è giocato in questo ultimo sabato del mese di ottobre, alle 19) è viaggiato sui binari dell’equilibrio. A decidere il confronto la marcatura di Francesco Bitti, atleta che così, al suo esordio, si è travestito nei panni di ‘match-winner’. Evidentemente questi giocatori, non più giovanissimi, non hanno perso la voglia di correre dietro alla palla ovale; non hanno perso lo spirito giusto per confrontarsi con altre squadre, tra mischie e placcaggi. Il tutto, ovviamente, con regole ‘old’, che tengono conto anche dell’età dei protagonisti e che impongono scontri non particolarmente ruvidi. In particolare, in questa annata, i Rino..Cerotti hanno iniziato una ‘nuova giovinezza’. Nella partita con i fiorentini, i padroni di casa hanno presentato tre debuttanti. Ben cinque gli elementi attivi da meno di tre anni. Nelle prossime uscite ci sarà spazio per ulteriori cinque giocatori pronti ad esordire. Nuovi rugbisti che si aggiungono al nutrito e (ormai tradizionale) gruppo ‘veteran’. Una gran bella realtà. Questi i giocatori utilizzati da coach Alessandro Brondi nella vittoriosa gara con i Trinceroni Scandicci: Vittorio Abbiuso, Adriano Sampaolo, Gianluca Gasparri, Paolo Ciandri, Antonio Cannavò, Vincenzo Limone, Valter Ardizzone, Luca Baroni (cap.), Emiliano Marchi, Carlo Pancani, Alessandro Cipriani, Menotti Pannese, Antonio Masciullo, Chiara Mattei, Fabio Ciliegi, Emanuele Bertolini, Davide Mantovani, Luca Conticini, Francesco Bitti, Emanuele Prestinari. Prossimo impegno (il primo dicembre?) ancora in casa con i Sorci Verdi Prato.

I Rino..Cerotti protagonisti a Genova nel Trofeo delle Repubbliche Marinare. Sabato prossimo ultimo impegno agonistico degli Old Lions.

Scorcio finale di stagione ricco di prestigiosi impegni per i Rino..Cerotti, la rappresentativa Old dei Lions Amaranto Livorno. Sabato scorso la squadra allenata da Alessandro Brondi è stata di scena a Genova, dove, difendendo i colori di Pisa, ha disputato il tradizionale Torneo delle Repubbliche Marinare. Sabato prossimo, invece, i Rino..Cerotti giocheranno a Gubbio, contro gli Allupins Prato, la finale per il terzo posto del torneo tosco-umbro di categoria. A Genova, la squadra labronica ha dovuto fare i conti con pesanti assenze; per motivi di lavoro e per impegni veri, tante le defezioni e solo 19 gli elementi a referto: 17 atleti da ruotare nell'arco delle tre partite e 2 accompagnatori. Questi gli 'esperti' rugbisti dei Rino..Cerotti, che in terra ligure hanno rappresentato Pisa: Mariano Gambogi, Giancarlo Pancani, Luca Baroni, Luca Conticini, Michele Niccolai, Paolo Giglio, Paolo Ciandri, Manrico Soriani, Emiliano Marchi, Adriano Sampaolo, Valter Ardizzone, Vittorio Abbiuso, Antonio Masciullo, Lorenzo Lattanzi, Alessandro Cipriani, Carlo Cantini, Andrea Bigongiali, Laurent D'Onofrio. Utilizzati, tra i Rino..Cerotti, 5 over 60, di cui 2 soli hanno indossato il pantaloncino rosso, segno dell'età e del fatto che, regolamento alla mano, non possono essere placcati ma solo fermati. Prima partita con Amalfi pareggiata 0-0, seconda con Venezia persa di misura 1 meta a 0 (marcatura giunta alla fine del secondo tempo) e terza partita con Genova persa 4-0, con un calo alla distanza dettato dalla stanchezza e dagli infortuni di Baroni (lussazione caviglia) e Limone (ferita al labbro suturata con 12 punti). Nelle altre squadre attive nel 'Trofeo delle Repubbliche Marinare', non mancavano giocatori ben più giovani. I Rino..Cerotti hanno chiuso l'evento in terza posizione. Il torneo è stato vinto dai padroni di casa di Genova. Nel giugno del 2019, il quadrangolare si sposterà a Venezia. Gli Old dei Lions Amaranto Livorno, che con grande autoironia si sono ribattezzati 'I Rino..Cerotti', hanno disputato da protagonisti la prima parte del campionato di categoria 2017/18. La formazione labronica è una delle primissime forze del centro Italia e chiuderà il torneo tosco-umbro o al terzo o al quarto posto. Merito dell'allenatore-giocatore Alessandro Brondi e merito di un gruppo coeso: gli atleti - non più giovanissimi.. - messi da parte acciacchi e problemi fisici vari, sono riusciti ad esaltarsi nel proprio girone iniziale (chiuso in prima posizione) e poi hanno terminato imbattuti il successivo triangolare svoltosi con la formazione terza nell'altro girone toscano e seconda nel girone dell'Umbria. Le partite 'Old' si snodano sulla distanza di 40' (due tempi da 20') e non prevedono calci da fermo: si conteggiano solo le mete realizzate. Si può far parte di tale categoria appena compiuti 35 anni. L formazione 'Old' dei Lions Amaranto ha vinto il proprio girone, nel quale ha messo alle spalle Pirati Livorno, Briganti Siena, Trinceroni Firenze e Allupins Prato. I 'ragazzi di Brondi' si sono così meritati l'accesso al girone successivo, previsto con la formula di un mini-triangolare, con gare di sola andata (ciascuna squadra ha disputato un match tra le mura amiche). Nella gara d'esordio di tale nuova fase, i labronici, sul terreno amico della via della Chiesa di Salviano, hanno pareggiato 0-0 con gli 'Umbria..chi' Gubbio (formazione prima nel girone dell'Umbria). Poi, gli stessi 'Umbria..chi' superato 7-0 i Sorci Verdi di Prato. L'affermazione esterna 2-4 (ribadiamo: ogni meta vale un punto) dei livornesi sul terreno dei Sorci Verdi (sabato 12 maggio) è stata sufficiente solo per acciuffare la seconda piazza, ma non per guadagnare la prima posizione, colta, a parità di punti conquistati, in virtù della miglior differenza mete, dagli Umbria..Chi. Il 16 giugno, a Gubbio, in occasione del raggruppamento conclusivo, nel quale si giocheranno le varie finali, i Rino..Cerotti disputeranno la gara con la seconda dell'altro triangolare tosco-umbro (gli Allupins): in palio la terza piazza. E' evidente come tra gli Old il vero obiettivo sia quello di divertirsi e trascorrere qualche ora in modo allegro e spensierato, evitando infortuni. Se poi - come nel caso dei Rino..Cerotti - arrivano anche risultati brillanti, tanto meglio...

 

'I Rino..Cerotti' protagonisti di un eccellente campionato. A giugno altri prestigiosi impegni per gli Old dei Lions.

'Forse sono troppo vecchio per giocare a rugby, ma non oggi'... E così un rugbista vero, anche quando, per raggiunto limite di età, non può più disputare i campionati federali, continua a divertirsi con la palla ovale e va a confrontarsi con altri non più giovanissimi avversari. Gli Old dei Lions Amaranto Livorno, che con grande autoironia si sono ribattezzati 'I Rino..Cerotti', stanno disputando da protagonisti il campionato di categoria 2017/18. La formazione labronica, che il prossimo sabato 9 giugno difenderà i colori di Pisa nel tradizionale 'Torneo delle Repubbliche Marinare' (quest'anno gare in programma a Genova, l'anno scorso invece l'evento si disputò al Centro Coni di Tirrenia), è una delle primissime forze del centro Italia e chiuderà il torneo tosco-umbro o al terzo o al quarto posto. Merito dell'allenatore-giocatore Alessandro Brondi e merito di un gruppo coeso: gli atleti - non più giovanissimi.. - messi da parte acciacchi e problemi fisici vari, sono riusciti ad esaltarsi nel proprio girone iniziale (chiuso in prima posizione) e poi hanno terminato imbattuti il successivo triangolare svoltosi con la formazione terza nell'altro girone toscano e seconda nel girone dell'Umbria. Le partite 'Old' si snodano sulla distanza di 40' (due tempi da 20') e non prevedono calci da fermo: si conteggiano solo le mete realizzate. Piccoli varianti anche sul classico gioco. Si può far parte di tale categoria appena compiuti 35 anni, ma non mancano atleti - anche tra i Rino..Cerotti - che hanno già festeggiato i loro primi 60 anni. Questo, in rigoroso ordine alfabetico, l'elenco degli atleti livornesi: Vittorio Abbiuso, Valter Ardizzone, Marco Bargagna, Luca Baroni, Maurizio Berti, PierPaolo Biagi, Alessandro Brondi, Antonio Cannavò, Carlo Cantini, Andrea Caputo, Emilio Chelli, Alessandro Chiesa, Paolo Ciandri, Fabio Ciliegi, Laurent D'Onofrio, Mariano Gambogi, Paolo Giglio, Leonardo Lattanzi, Marco Lenzi, Vincenzo Limone, Emiliano Marchi, Michele Niccolai, Carlo Pancani, Luca Conticini, Enrico Quinti, Menotti Pannese, Adriano Sampaolo, Gabriele Saviozzi, Manrico Soriani, Valerio Ubaldi. Nella prima parte della stagione, la formazione 'Old' dei Lions Amaranto ha vinto il proprio girone, nel quale ha messo alle spalle Pirati Livorno, Briganti Siena, Trinceroni Firenze e Allupins Prato. I 'ragazzi di Brondi' si sono così meritati l'accesso al girone successivo, previsto con la formula di un mini-triangolare, con gare di sola andata (ciascuna squadra ha disputato un match tra le mura amiche). Nella gara d'esordio di tale nuova fase, i labronici, sul terreno amico della via della Chiesa di Salviano, hanno pareggiato 0-0 con gli 'Umbria..chi' Gubbio (formazione prima nel girone dell'Umbria). Poi, gli stessi 'Umbria..chi' hanno hanno superato 7-0 i Sorci Verdi di Prato. L'affermazione esterna 2-4 (ribadiamo: ogni meta vale un punto) dei livornesi sul terreno dei Sorci Verdi (sabato 12 maggio) è stata sufficiente solo per acciuffare la seconda piazza, ma non per guadagnare la prima posizione, colta, a parità di punti conquistati, in virtù della miglior differenza mete, dagli Umbria..Chi. Il 16 giugno, a Gubbio, in occasione del raggruppamento conclusivo, nel quale si giocheranno le varie finali, i Rino..Cerotti disputeranno la gara con la seconda dell'altro triangolare tosco-umbro: in palio la terza piazza. E' evidente come tra gli Old il vero obiettivo sia quello di divertirsi e trascorrere qualche ora in modo allegro e spensierato, evitando infortuni. Se poi - come nel caso dei Rino..Cerotti - arrivano anche risultati brillanti, tanto meglio...



Informazioni aggiuntive